Item 1 Title

Item 1 Description

Item 1 Title

Item 1 Description

Item 1 Title

Item 1 Description

Item 1 Title

Item 1 Description

Item 1 Title

Item 1 Description

Item 1 Title

Item 1 Description

Item 1 Title

Item 1 Description

Item 1 Title

Item 1 Description

Kazakhstan

 

Il Kazakhstan è uno stato transcontinentale, a cavallo tra Europa ed Asia, ed è un'ex repubblica dell' Unione Sovietica. Confina con la Russia, la Cina, e alcuni paesi dell Asia centrale, quali il Kirghistan, Uzbekistan, e Turkmenistan ed è delimitato per un tratto dalle coste del Mar Caspio.

Con i suoi 2,7 milioni di km², il Kazakhstan è al nono posto tra i più vasti paesi del mondo e ha una superficie pari circa a quella dell' Europa occidentale. Il suo confine con la Russia, a nord e a ovest, lungo 6846 km, è uno dei più lunghi al mondo. Confina inoltre con il Turkmenistan, l'Uzbekistan e il Kirghistan a sud, e con la Cina a est. Ha una lunga fascia costiera (1894 km) sul Mar Caspio e una molto più ristretta, di un migliaio di km, sul lago d’Aral, che condivide con l'Uzbekistan.

Il paese è principalmente pianeggiante, se si escludono le pendici montuose orientali e sud-orientali. Il Kazakhstan sud-orientale occupa l'estremità settentrionale del Tian Shan e il monte Khan Tengri (7010 m), uno dei più alti picchi del Tian Shan, segna il confine tra la Cina, il Kazakhstan e il Kirghizistan. A cavallo del confine, poco più a ovest, ci sono le catene di Küngey Alatau, Zailiysky Alatau, Kirghiz Alatau e Talassky Alatau, catene minori del Tian Shan che superano in molti punti i 4000 m.

Il confine orientale che divide il Kazakhstan dalla Cina è un susseguirsi di catene montuose e di gole attraversate da strade o dalla ferrovia. Più a nord ci sono le colline Tarbagataj (tra i 2000 e i 3000 m) e, a nord delle sorgenti del fiume Irtys, i monti Altai (oltre 4000 m) che si estendono in parte oltre che in Kazakhstan anche in Russia, Mongolia e Cina.

Al di fuori di questi territori gli unici altri rilievi notevoli del paese sono le colline Karatau, che in realtà sono un prolungamento del Tian Shan a nord-ovest di Taraz e di Shymkent, e una serie di altipiani che si estendono a ovest delle colline Tarbagataj e che in alcuni punti superano i 1000 m, come avviene per le colline Shyngghystau a sud di Semey.

Il nord del paese è pianeggiante, costituito soprattutto da steppa, spoglio di alberi, anche se la maggior parte della prateria originaria è stata trasformata in coltivazioni di grano o di altre piante alimentari. Più a sud la steppa diventa sempre più arida, trasformandosi in deserto o in semi deserto (con arbusti sparsi) su buona parte del terzo meridionale del paese. L'altopiano di Ustyurt, un deserto sassoso, si estende dal lago d'Aral verso il Mar Caspio; a sud-est del lago d'Aral c'è il deserto di Ryzylkum che si divide tra il Kazakhstan e l'Uzbekistan; il deserto argilloso di Betbakdala si estende tra il lago d'Aral e il lago Balkash; più a sud c'è il deserto Muyunkum e a sud del lago Balkash c'è il deserto Sary Ishikotrau.

I fiumi più importanti sono il Syr-Darya (l'antico Jassarte/Jaxartes), che scorre verso nord-ovest attraverso il Kazakhstan meridionale e termina nel lago d'Aral; l'Ural, che scorre verso sud dai monti Urali in Russia e termina nel Mar Caspio; l'Ili, che proviene dalla Cina e termina nel lago Balkash; l'Irtyš, che attraversa il nord-est del Kazakhstan in direzione della Siberia; e infine l'Ishim e il Tobol che attraversano il Kazakhstan settentrionale in direzione nord e sono affluenti dell'Irtyš.

Il lago Balkash nella parte centro-orientale del paese è il quarto lago dell'Asia per superficie (17.400 km²), ma è poco profondo: solo 26 m nel punto più profondo. La metà orientale è salata mentre quella occidentale è di acqua dolce.

Con la dissoluzione dell'URSS erano presenti in numero paritario, poco meno del 40% della popolazione, etnie d'origine russa ed etnie di origine kazaka. Mentre le prime immigrarono nel paese a partire dalla metà dell'ottocento le seconde traggono origine delle popolazioni nomadi presenti nell'Asia centrale. A questi gruppi principali s'aggiungono gruppi minori deportati durante il periodo sovietico, come gli Ucraini o i Tedeschi del Volga, o gruppi autoctoni quali Uzbechi, Tartari, Karatau, Dzungar e Kirghisi. La necessità di scelta della cittadinanza con la dissoluzione sovietica ha portato una parte della popolazione a optare per la cittadinanza russa, soprattutto gli individui emigrati durante l'ultimo periodo sovietico. In conseguenza di questo cambiamento negli anni novanta del XX secolo vi fu un calo delle popolazioni di ultima immigrazione, come i russi e gli ucraini, e un conseguente aumento in percentuale delle popolazioni autoctone.

Dati e % sulla popolazione:

• Kazaki (Qazaq) 65%

• Russi 25%

• Altri 10% Religione: Musulmani 55%, Cristiani 40 %, Buddisti 5%.

 

Il Kazakhstan è suddiviso in 14 regioni (oblystar, al singolare oblysy) e 3 città a statuto speciale (les qala e al singolare qalasy). Le tre città a statuto speciale sono:

• Almaty, l'antica capitale, (Il nome in epoca sovietica: Alma-Ata)

• Astana, la nuova capitale

• Baikonur (Bayqongyr), Città dello spazio.

 

Le 14 regioni sono:

• Akmolinskaya

• Aqtobinskaya

• Almatinskaya

• Atyrauskaya

• Qaragandinskaya

• Kazakhstan Meridionale

• Kazakhstan Occidentale

• Kazakhstan Orientale

• Kazakhstan Settentrionale

• Qostanaiskaya

• Qizilordinskaya

• Manggystauskaya

• Pavlodarskaya

• Zambylskaya